Posts Tagged Penn State

The Mall

E’ una strada che ormai mi è più che familiare, l’ho chiamata “THE MALL” un pò per sentirmi come a Central Park, New York (..Baldo..ormai ci siamo…are you ready?) un pò perchè a volte è più che un percorso per raggiungere l’università, diciamo che è un modo per svegliarmi la mattina e per non arrivare con gli occhi ancora semi-chiusi al lavoro, è un momento di relax la sera, quando il sole sta calando, sono spesso quei 5 minuti in cui penso..”..e stasera cosa mangio???..”

Da casa verso il lavoro: giardinetto davanti casa, aiuole, campus, attraversamento pedonale, stradina, giardinieri dovunque, scoiattoli a dozzine, piante (tante), macchine nel parcheggio, il Medical Center, l’ala di ricerca…ecco…sono arrivato.

4/5 primi netti..dipende dalle mattine, da quanto sono carico, da quanto sono in ritardo…

Un’ultima osservazione sugli scoiattoli: qua secondo me c’è una sorta di invasione, sono tantissimi, la mattina salgono e scendono dall’albero con una velocità incredibile. Più che fare figo sono una vera e propria piaga..qualcuno sa se è commestibile la carne di questi maledetti topi modificati? 😉

Lascia un commento

…after 1 month…

E’ passato un mese dalla mia partenza, volevo onorare questo anniversario con un personalissimo post.

Le cose fatte qua sono state tante, quelle imparate ancora di più! Diciamo che a parte il viaggio distruttivo (22 ore di viaggio, 6 mezzi di trasporto diversi) mi sono fin da subito ambientato bene.
Facendo un pò di conti (lasciando perdere il lavoro al quale dedicherò un intero post allo scadere del secondo mese) mi ci sono voluti:

3 giorni per capire dove ero, ottenere collegamento internet e farmi un sano abbonamento in palestra

5 per ottenere chiavi dell’ufficio e badge

1 settimana per incominciare a mangiare un pò tutto

10 giorni per comprendere che il mio appartamento era ok (..potere fare la doccia senza ciabatte, lasciare la porta della camera aperta senza chiudere tutto, lasciare i piatti da lavare senza avere paura dell’incazzatura dei miei coinquilini)

15 giorni per avere gratis caffè, paste, acqua, asciugamano in palestra e tutta la cancelleria che mi serve

3 settimane per farmi degli amici, andare al cinema, chiaccherare nel parchetto del campus tutti insieme, andare in pub e club…

25 giorni per ottenere un posto in cui guardare il mondiale

4 settimane per non sentirmi più spaesato.

..e la vita continua..

Comments (2)

Other soccer friends!!!

Il sosia di Van Gogh qui sopra è Seamus, il bibliotecario della mia Università, un allegro artista irlandese che ho conosciuto nella library mentre stavo prendendo due articoli da fotocopiare. Vedendo il mio nome sul badge ha incominciato a parlare un italiano anglosassonizzato (stile Oliver Hardy), ha vissuto un anno a Roma ed è lui che mi ha indicato la student’s lounge come il miglior posto all’interno dell’università in cui vedere le partite del mondiale e in particolare degli Azzurri. E’ stato lui che mi ha trovato i contatti giusti, cioè quelle persone con le quali quasi quotidianamente trascorre 1/2 ore del suo tempo parlando di calcio, di clubs, di partite del passato…della magica Irlanda di Italia ’90 e cos’ via..(per lui quest’anno è un mondiale da spettatore purtroppo!!!)

I miei principali compagni di “viaggio” (..sono sicuro che loro ci saranno per la maggior parte delle partite nella student’s room) per il prossimo mese saranno:

  1. Ugur (Turkish) is a professor in the Pharmacology department
  2. John (Mexican) is a First Year Surgical resident
  3. Fady (Egyptian) is a Third Year Medical Student
  4. Ernesto (Argentinian) is a Rheumatologist

Sono sicuro di trovarli più o meno tutti (..pochi altri in quanto gli americani snobbano un pò questa coppa..anche per l’orario..) domani..12 pm ora locale..tutti pronti sul divano ipercomodo della Lounge per la prima imperdibile partita.

Come ho fatto ad entrare? Beh..il ragazzo egiziano mi ha contattato con una mail, mi ha suggerito di entrare dalla porta di emergenza sul retro che solitamente è aperta. Domani una volta dentro farò lo studente sbadato e chiederò a qualcuno là dentro di darmi il codice d’accesso per entrare dalla porta principale “in quanto me lo sono TEMPORANEAMENTE dimenticato”.

ATTENZIONE: Apro a tutti gli utenti del blog lo spazio scommesse.

Si scometterà solo sulle partite degli Azzurri e sulla finale. Bisogna indicare punteggio e marcatore (per entrambe le squadre). Lo 0-0 non viene pagato come anche una scommessa uguale ad un’altra fatta prima in termini di tempo sulla stessa partita da un altro utente. Verranno accettate scommesse fino a mezz’ora prima dell’inizio del match.

Cosa si vince? Chi indovina più partite riceverà un piccolo presente dagli States. Se vinco io…tutti quelli che hanno partecipato mi pagano da bere al ritorno (hihihihihiih)!!!

Incomincio io..

ITALIA – Ghana 1-0 (Del Piero)

Comments (7)