Archive for luglio 6, 2009

Per fortuna c’è il Miles and More…

pasto Luft

Ero talmente felice di aver prenotato Lufthansa, che un volo pessimo come quello non me l’aspettavo proprio. Bologna – Francoforte e poi Francoforte – Newark NYC…tutto bello fino a qui…e posso dire tutto tranquillo fino allo scalo tedesco. Quando poi però sono salito sul secondo aereo e mi accorgo che nella fecciosissima economy class non c’è nemmeno lo schermetto nel sedile davanti mi viene da piangere: con me no lettore mp3 ma solo Wired del mese scorso già mezzo letto. Come faccio a passare 8:30 in questo parallelepipedo ideale che è il mio sedile? Di fianco un ragazzino americano con tanto di maglietta francese e libro simil Bibbia in mano. Davanti classica scocciata che non resiste a voltare la testa ogni volta che provo a stirarmi e muovo di un millimetro il sedile (cavolo non ci sto!), a sinistra il corridoio..caro e vecchio amico..mia prima scelta ogni volta che viaggio (ginocchio sinistro che ha bisogno di stirarsi di tanto in tanto!).

Va beh…alla fine me la sono cavata…qui di seguito la sequenza degli eventi: decollo; snack+birra (Warsteiner) ; canale 5 Radio Lufthansa, 80 min non di più perchè poi si ripete; birra; pranzo (foto) + birra; film (“La Pantera Rosa 2″) alla tv comune + birra; bicchiere d’acqua + succo d’arancia + chiaccherata vicino al cesso con un polacco/americano che non ne poteva più di stare a sedere e si era dato al free alcool; discesa turbolenta; applauso d’arrivo.

…voto 6 al volo, 8 al servizio con media che fa 2 per la mancanza della tv e di film a nastro…per fortuna però ho accomulato parecchie miglia!

Reblog this post [with Zemanta]
Annunci

Lascia un commento

Chapter 3: NYC 2009

DSC03568

Finalmente trovo il tempo per mettere a posto un pò le cose anche on line…e incominciare così a scrivere questo terzo capitolo della mia esperienza americana.  Ricapitolando, dopo Penn State+Florida del 2006, e dopo NYC del 2008, volto pagina e scrivo NYC 2009.

Ebbene sì, come preannunciato nel fugace post di una settimana fa, mi sono trasferito ancora ai margini della Grande Mela…Westchester per la precisione…in mezzo a quel nulla tutto verde e cerbiatti che sta poco sopra il caro e vecchio Bronx e a 45 minuti di treno da Manhattan. Cosa ci faccio? Beh..lavoro/studio/networking/divertimento…ormai non so nemmeno io come classificare la mia posizione…come vedermi all’interno di una società che a tutti i costi  cerca di non farmi sognare grazie alle parole “crisi”, “contratti a progetto”, “febbre suina” (cosa c’entra? …allargate il concetto). La smetto subito..altrimenti divento troppo filosofico…e non è lo scopo di questo post!

Novità rispetto ad un anno fa? Beh..fammici pensare..stessa casa, stesso luogo, stesso lavoro, stessa gente (a parte qualcuno licenziato), stessa grande amicizia con Joe (una costante positiva della mia esperienza americana)…ah sì…a parte la fotocamera evidentemente rotta (come si può notare dalla foto del post in quel di Wall Street…bene…almeno ho la scusa di comprarne una nuova. Qualche suggerimento?…Best Buy arrivo!) beh gli USA sono cambiati…sembrano aver subito il colpo economico e al tempo stesso aver assunto una consapevolezza diversa…forse anche grazie al loro grande presidente. Naturalmente posso sbagliarmi, ma dopo 10 giorni che sono qua…qualcosa penso di aver già capito. Vedremo…

Cos’ho fatto fino ad ora? Lo racconterò nei prossimi post (uno al giorno come sempre) altrimenti mi brucio tutto subito…

…Stay tuned folks!

Reblog this post [with Zemanta]

Comments (6)