Archive for agosto, 2008

Weekend Lungo = Lavoro

La ruota non ha girato nel verso giusto e quindi mi ritrovo in ufficio per questo weekend lungo. Presentazione finale in azienda martedì mattina, 45 minti in cui racconto cosa ho fatto in tutti questi mesi, e 15 minuti di massacro da parte della commissione. No dai..sto esagerando..fatto sta però che non ho potuto organizzare niente per questo fine settimana allungato grazie al “Labor Day” (ogni primo lunedì di Settembre). Per fortuna ho qualche invito di mezza giornata al quale posso aderire all’ultimo momento (vedi barbecue domenica pomeriggio, o ristorante giapponese domenica sera) con cassa da 12 birre alla mano.

W il primo Maggio!

Annunci

Lascia un commento

Rimango solo!

Anche i miei due fidati coinquilini se ne vanno e per l’ultima settimana rimango solo soletto. Cose imparate da loro da non dimenticare:

  • Parolacce in Taiwanese compreso il classico “gan”
  • Mangiare con le bacchette. Sono riuscito persino a prendere un’oliva e portarmela alla bocca. Chi mi conosce sa che non sono un maestro in queste cose
  • Scegliere il cibo cinese buono
  • Fare il cubo di Rubik

Cose insegnate:

  • Parolacce in italiano compreso il classico “vaffanculo”
  • Cucinare la carbonara
  • Dosare il sale nell’acqua per la pasta
  • Oltrepassare le regole

Momenti memorabili:

  • Quando ho spaccato la sedia della cucina per l’oro della Pellegrini alle olimpiadi scagliandola contro il forno per l’esultanza. Dovevate vedere i loro sguardi!
  • Quando uno dei due ha fatto scattare l’allarme antiincendio cucinando della pancetta e praticamente è partita una sirena che si sentiva in tutta la contea con tanto di 911 chiamato dal vicinato
  • Quando in tv c’è la pubblicità di Target (clicca sulla foto) e prontamente la musica viene sparata a manetta con un 30 secondi di bolgia in sala

Lascia un commento

– 10 (alias “Decide if you are a Tigger or a Eeyore”)

Lascia un commento

Si tirano le somme

Si tirano le somme e si porta il giovane ricercatore a cena fuori: il ristorante è di prima..Red Hat a Irvington non lontano da dove lavoro. Tavolo affacciato sul fiume Hudson che stasera regala anche una leggera ma piacevole brezza sinonimo di fine della calura estiva (alcune settimane fa non si stava dal caldo..uff!). Con me il mio capo e il capo del mio capo per una di quelle cene in cui i livelli gerarchici si pareggiano e basta qualche bottiglia di Greco di Tufo per abbassare del tutto le barriere e accorciare le distanze. Gran bella serata..a suon di zuppa marocchina, petto d’anatra e panna cotta nel finale che ci sta sempre (niente burger per oggi).

Gran bella serata…con tanto di stretta di mano finale emozionante..per tanti motivi!

Comments (1)

Gusto: Wawa

Wawa è l’invenzione del secolo: una catena che vende tra le altre cose, 24 ore no stop di panini di ogni tipo, fatti freschi sul momento e con una varietà tale da soddisfare le voglie di tutti i tipi di clienti. Dove sta il genio? Praticamente tu cliente non parli con nessuno ma comunichi la tua scelta al “paninista” attraverso un touch screen comunicativissimo, semplicissimo da usare, con immagini grandi e scritte gigantesche…a prova di Ray Charles. Perchè mi affascina così tanto:

  1. è il sogno di ogni ubriaco che esce dal club a notte fonda e ha solo voglia di un bel panino e in fretta (ci sono anche le fast choice).
  2. il padrone si può permettere anche commesse che faticano a parlare l’inglese (al più sono russe..almeno in quello in cui vado io) tanto non c’è comunicazione alcuna.
  3. si evita la presenza del cliente che da la colpa alla commessa/cameriera per la sua ordinazione errata. Qui tutto è in mano al cliente.
  4. è accessibile a tutti i monolingua: infatti lo schermo presenta una sfilza di lingue che solo se si viene dalle isole Vanuatu ci si può trovare un pò spiazzati.

Lo voglio in Italia al più presto…

Comments (4)

Che musica maestro!

Ho passato quasi 8 ore in macchina questo weekend e nonostante cambiassi da una radio all’altra, evitando le stazioni di musica country, le canzoni che venivano suonate erano sempre le stesse. Ne faccio una lista di quelle che penso potrebbero andare anche da noi (ce ne sarebbe tante altre ma di un hip hop un pò troppo spinto) così vediamo un pò se si sentono già in Italia o se sono un’anteprima che vi do.

  1. Rihanna, Disturbia: senza dubbio è lei la regina dell’estate e ogni sua canzone è un singolo. Questa praticamente si sente ovunque adesso.
  2. Ne-Yo, Close: questa è la favorita nei club anche per il testo allusivo. Nuovo personaggio della scena hip hop americana.
  3. MIA, Paper Planes: questa ci gioco un braccio che da noi spopolerà in radio e in disco quest’inverno. Colonna sonora del simpaticissimo Pinapple Express (lo consiglio), film uscito da una ventina di giorni negli States.
  4. 2 che avevo citato qualche post fa
  5. Vedi sopra
  6. Timbaland, The way I are: un pò vecchiotta quindi sicuramente già in Italia..ma è la mia preferita e non potevo non metterla.

Per non dimenticare le 5 versioni di Bleeding in Love di Liona Lewis…tutte uguali ma tutte così carine!

Buon ascolto…

Comments (5)

Ritorno alle origini: Hershey (PA)

Appena tornato da un viaggio di 3 ore e mezza di ritorno da Herhey Pennsylvania. Questa cittadina nel bel mezzo dello stato non significa nulla ai molti…ma ha un grande, grandissimo valore per me. Dal momento che ho passato qua ben quattro entusiasmanti mesi della mia vita, per me è stato come ritornare dove ho imparato a vivere negli States, dove tutto all’inizio non era facile e poi si è rivelato semplicissimo, dove me la son cavata con l’inglese, dove ho incominciato a lavorare e a confrontarmi con tantissime realtà differenti. Hershey è tutto questo per me..e forse qualcosina di più. Strade pulite, perfette, simil paesino di “Una mamma per amica”, guida tranquilla, colori (Hershey Rose Garden), divertimento (HersheyPark..vedi vecchi post!).

All’ingresso di Hershey l’insegna dice: “Hershey…The Sweetest Place on Earth” (allundendo al famoso cioccolato locale) beh per me se non il più dolce sicuramente uno di quelli a cui sono più affezionato.

P.S.

Ringrazio una caro vecchio amico per l’ospitalità e il mio vecchio advisor per il barbecue!

Comments (1)

Older Posts »